Il minestrone è servito

Il calendario del cambiamento? Siamo molto critici verso l’attuale sistema sociale dominante, dal punto di vista politico, economico-finanziario e tecnologico, ma questo non significa appoggiare senza critica chiunque si opponga al sistema stesso.

Certamente no. L’esempio migliore ce l’abbiamo sotto gli occhi in questi giorni: siamo tutti d’accordo che l’umanità stia sbagliando, che ci stiamo scavando la fossa con le nostre mani, ma da qui a predire la fine del mondo alle ore 00:00 del 21 dicembre 2012, mal interpretando un calendario Maya, ce ne corre.

Dando credito a certe fole ci esponiamo al ridicolo, e rafforziamo le convinzioni dei negazionisti (del cambiamento climatico), degli sviluppisti, dei nuclearisti, dei seguaci dell’OGM e via dicendo.

Un altro pericolo che incombe sulla nostra fragile rete di comunicazioni è il minestrone. Prendi quattro concetti condivisibili (come la decrescita, la permacoltura, la transizione e l’autocostruzione), aggiungi cinque o sei bufale belle grosse tagliate a dadini (per esempio, il signoraggio, le scie chimiche, l’undici settembre, lo sbarco sulla luna), una bella fetta di complottismo (qualcosa sui banchieri ebrei, sulle multinazionali della medicina, in cui compaia almeno uno dei prefissi pluto- giudaico- massonico-), una spruzzata di magia e di esoterismo, una buona dose di saccenza, e voilà, il minestrone è servito.

Come la bufala, il minestrone espone al ridicolo le poche teorie buone in esso contenute, che così servono esclusivamente per dare dignità a un sacco di immondizia culturale.

L’ultimo esempio è il calendario del cambiamento. Come le peggiori bufale via internet, arriva a tradimento, attraverso una mail di una persona di cui vi fidate, con un testo che recita più o meno così:

Ecco in allegato il mio regalo di natale e anno nuovo per te!

IL CALENDARIO DEL CAMBIAMENTO 2013 si parla anche di decrescita,
transizione, pubblicità ingannevoli, sistema bancario, gas, km  zero,
sostenibilità, filiera corta,monete alternative, banca del
tempo,energie rinnovabili, cambiamento climatico, permacoltura,
cohousing, autocostruzione, autoproduzione, e tanto altro

Gratis, devi solo stamparlo e appenderlo! (Appenderlo e girarlo ai
tuoi amici sarà il regalo che farai a me!)

è una specie di calendario di frate indovino ma progressista.

GIRA QUESTA MAIL A TUTTI I TUOI AMICI. FARAI UN GRADITO REGALO E

MAGARI MIGLIORERAI UN PO IL TUO MONDO!

Metà del calendario è dedicata al problema del signoraggio e annessi, su cui abbiamo già espresso la nostra opinione. Balle, gigantesche e pericolose balle, veicolate da concetti sacrosanti come Gruppi di Acquisto Solidale, decrescita, permacoltura.

Inutile dire che ci dissociamo da pubblicazioni di questo genere e invitiamo i GAS veronesi a non diffondere questo ciarpame.

La nostra opinione sulle monete

La nostra opinione sul signoraggio

 

 

 

Pubblicato in Attualità, Riflessioni Taggato con: , ,
One comment on “Il minestrone è servito
  1. antonio scrive:

    io non ho nulla contro il minestrone, se gli ingredienti sono bene equilibrati è uno dei miei patti preferiti, vedi la ribollita per esempio.
    Certo che se nella ribollita ci metti per far massa un po di sardine affumicate, fragole, banane e formaggio verde preferisco fare un sano digiuno……

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


7 × = quaranta due

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>