Agricoltura

Perchè parlare di agricoltura? Ci sono tre validi motivi:

  1. l’agricoltura attualmente dipende in modo quasi totale da materie prime non rinnovabili, come i derivati del petrolio che rendono possibile l’uso di macchinari sempre più potenti, o di fertilizzanti o di prodotti cosiddetti fitosanitari, quando queste materie prime inizieranno a scarseggiare questo modello di agricoltura diventerà insostenibile
  2. l’uso sempre più massiccio di sostanze incompatibili con la vita dell’ecosistema, sta causando perdita continua di biodiversità che è alla base stessa della nostra sopravvivenza, inoltre è causa dell’aumento di malattie
  3. la nuova frontiera dell’agricoltura industriale: gli OGM, rappresenta un rischio di dipendenza totale dall’industria chimica da parte delle realtà produttive locali, con inoltre grossi dubbi sull’effettiva efficacia di queste manipolazioni genetiche e sul rischio per la nostra salute

Lavorare per rendere possibile la diffusione della conoscenza dei recenti metodi colturali sostenibili nel lungo periodo e rispettosi della vita è un primo passo per uscire da un tunnel pericolosissimo. Negli ultimi decenni ci sono stati riecercatori geniali che hanno iniziato a sviluppare nuovi approcci all’agricoltura, ne proponiamo tre filoni:

agricoltura naturale sviluppata dal giapponese Masanobu Fukuoka è la madre dell’agricoltura sostenibile

agricoltura sinergica è una applicazione dall’agricoltura naturale sviluppata dall’agricoltrice spagnola Emilia Hazelip nel clima europeo

agroecologia è lo sviluppo dell’agricoltura biologica verso nuove forme di sostenibilità

salvaguardia delle sementi non ci può essere agricoltura resiliente senza la salvaguardia delle sementi tradizionali

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


× tre = 18

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>