Suicidi

Su veramente.org parlo dell’allarme suicidi, descrivendo la situazione di molte persone, strette tra la carota del marketing e il bastone delle riscossioni. Come sempre, mi è scappata la tastiera e ho parlato solo di economia, ma l’argomento mi sembra interessante e andrebbe approfondito.

Occorrerebbe innanzi tutto capire se i suicidi sono in aumento, oppure no. Poi bisognerebbe riflettere sui motivi più profondi che spingono queste persone al suicidio, perché il motivo economico mi sembra in realtà gran poca cosa per giustificare un comportamento così estremo.
Infine, se passa la giustificazione del bastone e della carota, occorre indagare su che cosa ha spinto queste persone ad accettare la carota, a indebitarsi fino al punto di non poter più restituire il dovuto, né di reggere la pressione che il sistema delle riscossioni è allenato a fare.
Sarà forse il male di vivere, su cui abbiamo cercato di indagare qualche tempo fa?

Approfondimenti

Pubblicato in Attualità, Decrescita Taggato con: , ,
2 comments on “Suicidi
  1. antonio scrive:

    sono certo che la maggior parte delle persone di questa “bella società” non contempli la possibilità che questo modello socio economico sia sbagliato nelle sue fondamenta, meglio credere ai vari Monti, Bersani e via così che continuano a riempirsi la bocca con la parola crescita come fosse la parola magica che tutto risolve.
    Cito il dott. Sauro nella conferenza il male di vivere:
    “questa società a mio parere è in una fase involutiva, se si vede dal punto di vista tecnologico fra poco arriveremo su Marte, se si vede dal punto di vista sociale ci sono dei miglioramenti nei diritti umani. Ma se si vede dal punto di vista dei vissuti degli individui questa è una società che crea persone infelici, eternamente scontente, che crea depressione, che crea sofferenza, che crea angoscia e andando avanti nel prossimo futuro sarà peggio, perché la diffidenza e la sfiducia sono in netto aumento, sotto tutti i punti di vista.”
    Se ci aggiungiamo la crisi attuale la frittata è fatta.

  2. antonio scrive:

    mi rendo conto che il post precedente è incompleto
    volevo sollecitare una riflessione su come sia fragile l’essere umano se, abituato da questo modello socio economico ad essere individualista e consumista, ad un certo punto viene lasciato in balia di una crisi che gli toglie le uniche cose su cui aveva puntato per dare un senso alla propria vita.

2 Pings/Trackbacks per "Suicidi"

Rispondi a antonio Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


nove + = 16

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>